Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi di più.
Missioni - Balaka

ASLM logo

Italian Afrikaans Chinese (Simplified) English French German Hindi Japanese Portuguese Russian Spanish Swahili

"Seconda Linea Missionaria" – Onlus

vuole essere uno strumento utile alla "Prima Linea Missionaria"

che opera nei paesi poveri del terzo mondo

Disastro in Malawi

Ciclone MalawiUn violento ciclone si è abbattuto soprattutto nella parte Sud del paese. Padre Piergiorgio ci testimonia la difficile situazione. 
La stagione delle piogge che porta i monsoni che garantiscono la possibilita’ dell’unico raccolto annuale e’ arrivata molto in ritardo. Venendo dall’oceano Indiano ha investito il Malawi con una montagna di acqua come non era mai capitato.
Ormai da settimane piove incessantemente tanto da portare il presidente Peter Mutharika a dichiarare il paese a livello di disastro nazionale.
Mentre i fiumi straripano in tutto il sud del Malawi tanti villaggi sono evacuati con le famiglie che si accampano nelle scuole e nelle chiese.

 Ponti e strade che cedono alla violenza dell’acqua sono numerosi rendendo la viabilita’ difficile.
Le case in particolare, costruzioni fragilissime  si sfaldano letteralmente.
A Blantyre, la capitale industriale del paese non aveva mai visto una tale distruzione. Il conto delle persone portate via dall’acqua e’ molto impreciso, ma supera di molto i settanta morti accertati. 
Il dipartimento metereologico mette in guardia la popolazione perché le piogge continueranno ancora con un secondo ciclone in arrivo. 
Ciclone Malawi 2Una prima conseguenza di questa distruzione e’ la mancanza di corrente che viene gia’ razionata su tutto il paese con lunghe giornate al buio, la mancanza di acqua potabile nelle citta’ dove la paura del colera cresce di giorno in giorno e poi l’interruzzione delle comunicazioni comprese le stazioni radio e Tv e i telefoni che sono per tanti l’unica speranza di ricevere aiuto. 
Eppure la gente non perde la fiducia che anche una sola giornata di sole puo’ bastare a trasformare questo disastro in una promessa.
Ecco i campi di oggi co il grano appena spuntato nei lunghi filari tutti fatti a mano e con solo una zappa a disposizione. La gente del Malawi e’ estremamente fiduciosa. Crede veramente che anche la pioggia e’ un dono di Dio, e Dio e’ l’unica certezza incrollabile anche per oggi quando le certezze sono poche e le capanne vengono portate via dalla furia dei fiumi, e la fame ritorna come un incubo perche’ non sanno proprio di chi fidarsi. 
Non resta che ricominciare.


Pro Malawi

Aiutaci ad aiutare
fai una donazione
per il Malawi
per saperne di più
clicca qui

Iscriviti alla Newsletter

Visite agli articoli
896064

Abbiamo 45 visitatori e nessun utente online