Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi di più.
Missioni - Balaka

ASLM logo

Italian Afrikaans Chinese (Simplified) English French German Hindi Japanese Portuguese Russian Spanish Swahili

"Seconda Linea Missionaria" – Onlus

vuole essere uno strumento utile alla "Prima Linea Missionaria"

che opera nei paesi poveri del terzo mondo

Balaka, 29 marzo 2005

Ai carissimi genitori dell'adozione a distanza - Balaka

Sono solo poche parole.
Per dire della Pasqua del Malawi. E per dire che la nostra bella avventura continua.
In tanti ci avete scritto, in occasione della Pasqua, carissimi genitori, e avete voluto mandare un saluto e un augurio per questa festa infinita, per dire che ci accompagnate. Siete vicini ai ragazzi e ragazze che avete adottato e continuate a sostenerli nel loro cammino.
Mai come quest'anno in Malawi c'è una volontà di resurrezione anche se resta nascosta sotto la brace.
Abbiamo celebrato la Pasqua con gli orfani dei vari centri della missione di Balaka. La lavanda dei piedi, poi la lunga processione attraverso i campi per raccontare la via crucis, e poi la notte di veglia, rischiarati dalla luna piena e attorno al grande falò che è rimasto acceso tutta la notte. Proprio nel fuoco della notte di veglia di Pasqua, c'è tutto il Malawi di questi giorni.
Ci sono i campi riarsi, quando nel pieno della stagione delle piogge i monsoni hanno abbandonato tutta la regione est dell'Africa: Malawi, Zambia, Zimbabwe, Tanzania...
E' forse la peggior stagione mai vista. Raccolti distrutti al 70 per cento. Perfino il fiore del cotone, che è una piantina, non è riuscito a sbocciare. La gente ha paura a pensare cosa saranno i mesi che verranno, quando sarà impossibile importare grano anche dai paese vicini dove si è abbattuta la stessa siccità. I granai resteranno vuoti...
A fine mese di Marzo si raduna il parlamento del Malawi, (capita cinque-sei volte all'anno) e deve reinventarsi una maggioranza politica in seguito a stravolgimenti totali, dove non si sa più chi guida il paese essendosi vanificate le elezioni politiche dello scorso anno in una frantumazione senza precedenti Si perderà tempo prezioso e gli ultimi della fila saranno completamente dimenticati.
Ci sono i ragazzi di scuola che hanno terminato il primo trimestre e riprenderanno il 18 Aprile la frequenza scolastica. Dovevano essere settimane di lavoro nei campi, di vendita dei primi prodotti per pagarsi ancora e la scuola e quanto serve a casa. Saranno settimane vuote. Il gruppo degli orfani doveva poi raccogliere quanto avevano seminato in quello che è il campo degli "ana amasiye", il campo che in ognuna delle venti chiese gli orfani coltivano per poi dividersi il ricavato. E' bastato meno di un giorno per portare a case le poche pannocchie che chiedono scusa per il loro misero stato.
C'è stata la Pasqua di una chiesa orfana del suo vescovo. Doveva essere la prima grande festa del Mons. Luciano Nervi, consacrato vescovo di Mangochi il 29 Gennaio 2005. Dopo soli 38 giorni, l'8 Marzo 2005 una terribile malaria celebrale se l'è portato via. Era il vescovo che in tanti anni passati, il Malawi aveva avvicinato a tutti i gruppi che aiutano in mille modi le missioni del Malawi. Da quando era al lebbrosario di Utale già conosceva il gruppo Seconda Linea di Ostia, e poi via via tutti gli altri. Aveva più volte ripetuto il suo impegno per lo sviluppo sociale del paese e uno dei suoi ultimi scritti era a proposito di un progetto di irrigazione...
Della Pasqua è rimasta la brace: stiamo cercando sotto la cenere. Stiamo cercando come sostenerci per continuare a sperare. E non lo facciamo per ripetere un lamento stanco, ma perché convinti che a raccontarci la nostra Pasqua e a ripeterci che è davvero risorto possiamo ricominciare.
E questo rimane un impegno che gli orfani hanno imparato a memoria nella loro stessa vita che li ha obbligati da sempre a dover camminare spesso da soli. E continuiamo il cammino dell'adozione a distanza. Abbiamo incontrato tutti gli orfani dell'adozione a distanza e anche per il mese di Marzo tutti hanno ricevuto la retta mensile, tanti anche i pacchi che erano arrivati nel container, e per tutti la possibilità di un grande aiuto.
Il primo Aprile abbiamo la festa del send off per 170 ragazzi e ragazze che l'Adozione ha restituito alla vita, anche loro risorti.
Grazie infinite da tutto il gruppo dell'Adozione del Malawi, dell'ufficio della Procura dei Missionari Monfortani, di tutti i responsabili di gruppi di tantissime parrocchie e Onlus...
Sotto la cenere è rimasta la brace.


P. Piergiorgio Gamba

Pro Malawi

Aiutaci ad aiutare
fai una donazione
per il Malawi
per saperne di più
clicca qui

Iscriviti alla Newsletter

Visite agli articoli
896110

Abbiamo 131 visitatori e nessun utente online