Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi di più.
Notiziario

ASLM logo

Italian Afrikaans Chinese (Simplified) English French German Hindi Japanese Portuguese Russian Spanish Swahili

"Seconda Linea Missionaria" – Onlus

vuole essere uno strumento utile alla "Prima Linea Missionaria"

che opera nei paesi poveri del terzo mondo

Resoconto dell'attività missionaria dall'1-1 al 31-12-2006


Resoconto globale anno 2006

Indice delle pagine del Notiziario di Ottobre 2006 (80^ Giornata Missionaria Mondiale):

La missione nasce e si alimenta dalla comunione

Ottobre è il mese missionario per eccellenza. La giornata missionaria mondiale, che si celebra la penultima domenica del mese, è il culmine di tutto un impegno di preghiera, di sensibilizzazione e di raccolta per la missione ad extra. Il nostro gruppo missionario parrocchiale, che da tanti anni anima con intelligenza, generosità e dedizione lo spirito e le iniziative missionarie della nostra comunità, è impegnato in prima persona nell'opera di evangelizzazione e promozione umana dei fratelli lontani, che vivono spesso in condizioni di grande povertà e sofferenza, e tiene particolarmente presente la diocesi di Mangochi in Malawi con cui la nostra parrocchia è gemellata.
Questo impegno encomiabile nasce dalla carità teologale, cioè dall'amore di Dio che vediamo riflesso nel volto nei fratelli, soprattutto dei più bisognosi. Certo, nel mondo ci sono tanti che, a prescindere dalla fede, si dedicano al bene degli altri e fanno delle opere meravigliose: queste sono sostenute dall'amore umano che si chiama filantropia, ma trovano un limite nella risposta negativa dei destinatari, perché, secondo la semplice ragione umana, sarebbe assurdo beneficare chi ti fa del male. L'amore cristiano, invece, che è espressione della virtù teologale della carità, non ha limiti, perché si estende anche al nemico. E questo è dono di Dio, che si impetra nella preghiera e cresce armoniosamente con la grazia di Dio, cioè con la vita divina, la santità che si alimenta con l'Eucaristia e i sacramenti.
La Chiesa, infatti, è per natura sua missionaria. Ma la missionarietà autentica non è semplice filantropia, bensì nasce da una dimensione di fede, è la coerenza stessa della fede. L'evangelizzazione, cioè il lieto annuncio da cui nasce la fede, non è fatta alla persona concepita astrattamente, ma nella sua globalità di spirito e di materia. Non si può predicare ignorando i problemi concreti della persona. Per questo l'evangelizzazione si accompagna sempre alla promozione umana, nell'aspetto della salute, dell'istruzione, del cibo e di quanto è necessario alla vita. Su questo tema si è celebrato il primo convegno della Chiesa italiana, quello di Roma del 1976. In questo mese si celebra a Verona dal 16 al 20 Ottobre il quarto convegno ecclesiale sul tema "Testimoni di Gesù Risorto, speranza del mondo": il cristiano che evangelizza diffonde attorno a sé questa speranza teologale, che è certezza di salvezza e di positività basata sulla redenzione operata dal Signore. In questo modo si completano i precedenti convegni, oltre a quello di Roma del 1976 (Evangelizzazione e promozione umana), quello di Loreto del 1985 (Riconciliazione) e quello di Palermo del 1995 (la Carità). Il leitmotiv di queste importanti assise ecclesiali è sempre il partire dall'interno della Chiesa, cioè dalla comunione, per compiere la missione di testimonianza. Questo significa che non ci può essere vera missione senza comunione: le due dimensioni essenziali della Chiesa, la comunione e la missione, sono complementari e vanno di pari passo.
L'ideale che ci siamo dati come parrocchia, di divenire sempre più una comunità tutta ministeriale e tutta missionaria, risponde a questa logica. La ministerialità è il porsi di ciascuno a servizio degli altri impegnando i doni ricevuti per la costruzione dell'unico Corpo mistico di Cristo, cioè della comunione. E' indispensabile vivere la vita della comunità, alimentarsi alla preghiera comune, all'Eucaristia, ai sacramenti, altrimenti la missionarietà non è più l'opera che Cristo ci ha comandato di svolgere, ma qualcosa di puramente umano che si esaurisce nell'efficienza e nell'esteriorità e non agisce nella dimensione soprannaturale che è propria della Chiesa.
A tutti l'augurio di un buon Ottobre missionario, crescendo nella comunione per una missionarietà sempre più autentica.

Mons. Giovanni Falbo, Parroco

torna su
 

Il Presidente ci aggiorna

Cari Amici e simpatizzanti delle Missioni,
siamo già alla Giornata Missionaria Mondiale dell'Anno 2006. Un altro anno sta per finire: abbiamo fatto poco? abbiamo fatto molto? Non lo so; queste sono stime che solo il Padrone di tutte le cose sa fare. Noi abbiamo cercato di fare del nostro meglio; la gente che ci ha aiutato credo che abbia fatto quanto poteva; l'essenziale è che noi " ce l'abbiamo messa tutta", come si usa dire. A fine gennaio, in occasione della "Giornata Mondiale dei Malati di Lebbra", come siamo soliti fare, tireremo le somme di quello che il Signore ci ha permesso di raccogliere in questo 2006 e vi informeremo di tutto.
Il programma che ci proponiamo di attuare per il prossimo anno è veramente impegnativo. Le necessità in Malawi sono davvero tante e di conseguenza anche i progetti dei missionari sono molti.
Balaka, grazie al Missionario-Parroco P. Mario Pacifici sta veramente diventando una città. Le scuole di vario grado continuano a crescere di numero; i progetti di P. Piergiorgio Gamba aumentano.
Ma si tratta di cose veramente importanti per il progresso di quelle popolazioni.
Come si può dire di no al progetto di P. Gamba di stampare libri perché gli studenti di tutte le scuole del Malawi di ogni ordine e grado possano conoscere le strategie per proteggersi dall'HIV.- AIDS che sta distruggendo la popolazione giovane del Paese? Lo Stato non ha soldi per farlo ed allora i Missionari, come all'occorrenza fanno in tutti i paesi poveri del cosiddetto "Terzo Mondo", bussano alle nostre porte sperando di trovare un aiuto in queste enormi difficoltà.
E come rispondere "no" all'iniziativa, sempre di P. Piergiorgio, della "promozione della donna" perché abbia i diritti che le spettano nei vari campi culturali, civili e politici?
Questo progetto nasce da un'analisi approfondita dei bisogni della donna in Malawi, ancora vittima di vere e proprie forme di violenza non solo fisica ma anche psicologica.
Il progetto vuole dare inizio alle attività di un Centro di Accoglienza ed Emancipazione a Balaka gestito dal CWO (Catholic Women Organisation) che sostenga l'azione della comunità locale in forma di volontariato nei confronti della popolazione femminile rappresentata da tutti i "Credo religiosi".
Nel Centro sono previsti:
- spazi di formazione professionale (scuola di cucito, scuola di erboristeria tradizionale, apprendimento di tecniche di coltivazione e conservazione di alimenti).
- Attività generatrici di reddito: agricoltura tradizionale, orticoltura, allevamento, macinatura del mais al mulino e noleggio del trattore.
- Un convitto per l'accoglienza delle ragazze che vivono situazioni familiari difficili o che abbiano subito violenze e di studentesse provenienti dai villaggi che frequentano la scuola secondaria di Balaka.
-
L'associazione CWO opera in tutto il Paese; nel 1985 è stata riconosciuta a livello statale e nel gennaio 2004 lo statuto è stato approvato dalla Conferenza Episcopale del Malawi..
Di questi due progetti abbiamo gli originali e se qualcuno fosse interessato a dare una mano, ci scriva che glieli invieremo.

Il nostro amico Padre Joseph Kimu ci chiede l'acqua per i bambini dell'asilo di Mangochi.
E' un bell'asilo, che ospita alcune centinaia di bambini poveri, che con enormi sacrifici don Joseph ha costruito qualche anno fa. Serve un pozzo.
Sempre a P. Kimu servono macchine da cucire per le mamme di quei bambini dell'asilo che hanno la speranza di imparare il mestiere di sarta per poter nutrire i loro figli in buona parte senza papà. Non costano tanto le macchine da cucire indiane là... Ma ne servono tante... E ancora, quante necessità!!....
Con le "adozioni a distanza" siamo al dodicesimo anno e già oltre 200 ex bambini hanno trovato la loro strada di adulti.. Chi ha terminato gli studi, chi si è sposato, chi ha imparato un mestiere e trovato lavoro. Ma di questo vi parlerà il responsabile Piero Rolleri che ha varie cose da dire in un'altra parte del giornale. Spero che non si dimentichi di raccomandare un certo ordine nelle date dei pagamenti delle rate annuali... Sapeste i salti mortali che debbono fare i missionari perché non manchi il necessario al bambino quando non gli arriva il denaro dell'adozione ... E purtroppo, a volte qualcuno si dimentica di avere un altro figlio in Africa che può aver fame...
I lavori per la costruzione del poliambulatorio e del Centro per la cura della malnutrizione dei bambini di Kapandatsitsi sono iniziati. Sono già in arrivo in Malawi i due containers partiti qualche mese fa da Livorno col materiale occorrente introvabile in Malawi o molto più caro che in Italia. Ricordo che questo progetto lo stiamo attuando insieme all'Associazione Missionaria "Pangono Pangono" - Onlus di Rosignano Solway (Livorno), e con la partecipazione del "Rotary Club" della Riviera dei Cedri (Cosenza) che provvederà all'arredamento del poliambulatorio. Il tutto dovrebbe essere pronto per la prossima primavera.
Ecco, amici, questo è quanto volevo e dovevo dirvi per portarvi a conoscenza di ciò che insieme, soprattutto con l'aiuto di molti di voi, si riesce a fare. Sono certo che il Signore benedirà voi e le vostre famiglie per l'amore che manifestate verso questi fratelli tanto più poveri di noi. Tanti di voi vivono lontani da Ostia, alcuni addirittura all'estero; eppure, attraverso noi arrivate ad aiutare tanti fratelli della lontana Africa; tanti bambini da voi "adottati a distanza" sopravvivono grazie a voi. Come non pensare alle Signore italiane in servizio nelle città nordiche della Comunità Europea che organizzano mostre-vendita per aiutare le iniziative della nostra associazione in Malawi? E come non essere grati alle Signore del "Gruppo Oltre..." della nostra Comunità che ha voluto inviare in Malawi il guadagno delle vendite dei loro lavoretti effettuati durante l'anno?
E il "Gruppo di Preghiera" che si riunisce ogni mercoledì della settimana nella Cappellina del Santissimo Sacramento della nostra Chiesa che, oltre a pregare, dà la propria offerta in denaro per le necessità più impellenti dei più poveri del Terzo Mondo? Quanto aiuto in tutti questi anni hanno donato ai poveri del Malawi queste quaranta signore circa con il loro obolo settimanale!
Mi sono forse fatto vincere dal sentimentalismo; ero quasi pronto a ringraziare oltre a loro voi tutti per quanto ci permettete di fare. Ma che vale il mio "grazie" quando c'è quello di Nostro Signore? Ecco, io posso dirvi solamente che pregherò e farò pregare perché il "grazie" di Cristo porti su voi e sulle vostre famiglie una pioggia di grazie e di benedizioni.

Giuseppe Aragona
 

torna su

Gli alberi degli angeli
Ci sono voluti tanti anni perché la presenza delle donne nella società del Malawi acquisisse una legittimazione e diventasse una sfida a cui non sottrarsi. Gli incontri, le discussioni hanno preso tempo ma hanno permesso che fosse la loro voce a emergere e le loro idee a delinearsi in un progetto che vuole dare alla donna la possibilità di riconquistarsi lo spazio di libertà finora negata.
Il centro che verrà realizzato costituirà innanzitutto un luogo di incontro e di condivisione per offrire sostegno alle persone più a rischio. Sarà una struttura per la formazione delle ragazze che dia loro la possibilità di imparare un mestiere e acquisire una alfabetizzazione funzionale alla gestione di attività economiche. Allo stesso tempo permetterà iniziative che assicurano un guadagno da reinvestire nelle attività di formazione, di aiuto per ragazze madri e conduzione dell'associazione stessa. L'ostello pensato per il centro darà accoglienza alle ragazze dei villaggi che intendono frequentare la scuola e sono alla ricerca di un alloggio
All'ombra degli alberi che una volta incutevano paura c'era un campo che nessuno voleva. Qui sta nascendo il progetto degli angeli. Un ostello, una sala di incontri, una biblioteca e dei laboratori per insegnare mestieri utili alla vita di ogni giorno.
La realizzazione del Centro è programmata in modo graduale in base alle donazioni ricevute che verranno tutte devolute alla messa in opera della struttura. Il sostegno di tanti amici e gruppi missionari hanno permesso di iniziare.
Per costruire l'ostello, creare la biblioteca, scavare un pozzo che dia acqua a sufficienza, permettere l'allaccio alla linea elettrica, comperare un trattore e realizzare il mulino che assicurino un guadagno, le donne del Malawi chiedono anche il tuo sostegno, una gara di generosità che permetta loro di sentirsi accompagnate nel sogno di una vita più libera e dignitosa.
 

torna su

Africa nostra confinante

Forse non ce ne rendiamo conto, ma l'Africa è ai nostri confini... al di là del piccolo Mar Mediterraneo.
Possiamo rimanere indifferenti ai suoi grandi problemi? Non sarà vantaggioso per l'Europa "investire" per "invertire" l'impoverimento del continente?
L'Africa è considerato un continente alla deriva, guerre, carestie e malattie. Ed è invece un continente con mille culture differenti e una enorme potenzialità umana che possono aiutare l'Occidente. L'Africa non è fatalmente consegnata alla violenza; è anche una terra dove sbocciano in maniera costante iniziative di pace, di conciliazione e di dialogo.
L'Africa è un continente "trascurato". Se nel 2004 circa 300.000 africani sono stati uccisi dalle guerre, nello stesso anno l'AIDS ne ha falciati 3.000.000. La scarsa volontà politica, gli interessi economici, l'inesistenza di una politica di prevenzione e sensibilizzazione, sono i fattori che rendono possibile questo genocidio.
La Chiesa guarda con ottimismo a questo continente e invita con insistenza i messaggeri di Cristo a prendere il largo con coraggio e a gettare le reti per la pesca.
I Missionari Monfortani hanno ascoltato questo invito sin dal 1901 quando fondarono la loro prima missione africana in Malawi.
Il Malawi è un piccolo paese nel cuore dell'Africa racchiuso tra Tanzania, Mozambico e Zambia. Con una estensione di circa un terzo dell'Italia e una popolazione di circa 11 milioni di abitanti. Con l'avvento della democrazia nel 1994 il paese ha sperimentato nuovi valori, la libertà di espressione ha iniziato ad essere una realtà. Tuttavia troppi sono i fattori che hanno reso fragile questa nuova esperienza. La salute è minacciata da vecchie e nuove malattie: la malaria è ancora la causa primaria di mortalità e l'AIDS determina la morte di 80.000 persone ogni anno. Il numero degli orfani fa paura, nelle scuole primarie sono il 20% degli alunni. La scuola primaria è gratuita ma non ci sono i mezzi per sostenerla; non ci sono aule e materiale scolastico, c'è un solo testo ogni cinque studenti, non ci sono maestri e si è costretti a formare classi di cento bambini.
La gente del Malawi è laboriosa e la mancanza di impiego la porta a cercare lavoro nelle piantagioni dello Zimbabwe, a sua volta provato dalla devastante crisi politica che conosciamo, o nelle miniere del Sud Africa dove sta crescendo un clima di violenza paurosa.
In questo clima di emergenza perenne, la situazione delle carceri diventa un appello importante. I dodicimila carcerati rinchiusi nelle 27 prigioni del paese meritano di essere ascoltati perché il loro grido non si perda nel deserto della povertà e a volta della disperazione. Ultimamente è stato avviato un programma di aiuto che vuole dare speranza ai giovani, molti dei quali ancora in attesa di giudizio. La colpa da scontare è spesso il furto, che in un paese poverissimo spesso significa sopravvivenza. In alcune carceri sono state aperte delle piccole biblioteche ed è stato avviato un progetto di scuole per dare la possibilità di terminare gli studi e preparare un futuro a cui aggrapparsi quando la pena sarà scontata. Dare la possibilità di imparare è il modo migliore per vincere la noia del carcere che spesso rischia di essere scuola di violenza.
L'Africa, il Malawi hanno bisogno di essere conosciuti di più. Per aiutarli a crescere nelle loro identità e attraverso il loro stesso impegno.

Padre Piergiorgio Gamba (Sintesi tratta da "L'Apostolo di Maria", mensile dei Missionari Monfortani)
 

torna su

Il Dott. Spini ci scrive...

Quest'anno, al mio rientro in Italia, ho sentito la necessità di scrivervi per aggiornarvi un po' sul mio, anzi sul nostro, lavoro in Africa.
Fino ad ora con l'aiuto di tanti e del Signore siamo riusciti a fare dei progressi importanti e decisamente costruttivi: l'aumento dei pazienti in trattamento, come ho già scritto precedentemente, è stata una cosa positiva; altra cosa che è andata a buon fine è il risultato dell'intervento di Marita, la bimba operata al cuore nel maggio scorso e che partirà in questo mese di ottobre insieme con me. E' cresciuta di peso e finalmente può giocare come tutti i bambini della sua età. Il professore che l'ha operata è disposto ad operare altri bambini se ce ne fosse la necessità ed in febbraio o marzo verrà con me in Malawi per valutare direttamente eventuali casi futuri; in realtà ho già visto una bambina orfana adottata dal Gruppo di Ostia che ha gli stessi problemi cardiaci e sta facendo gli accertamenti del caso.
Ho iniziato poi da questa estate e continueranno in futuro un giorno la settimana le visite ai pazienti nei villaggi più lontani insieme ai volontari dell'assistenza domiciliare; è stata un'esperienza straordinaria, non solo dal punto di vista umano, ma anche professionale.
Ho fatto loro un incontro di una giornata centrato sul problema "educazione sanitaria" in senso generale ed in particolare sull'HIV-AIDS. Ho consegnato loro un libro in lingua locale con illustrazioni e descrizioni delle varie malattie e situazioni che si presentano regolarmente con tutta una serie di semplici ma chiare metodologie che serviranno a cambiare alcuni comportamenti e quindi a migliorare il tipo di vita. Erano presenti in 38 e tutti sono rimasti veramente contenti di vedere apprezzato e gratificato il loro lavoro. Abbiamo loro offerto un bel pranzo con l'acquisto di due capre, di polenta di mais, che abbiamo consumato tutti insieme con grande fraternità.
Voglio parlarvi adesso della mia esperienza con l'HIV-AIDS in Malawi.
Al mio arrivo in quel piccolo Paese africano, nella primavera del 2002, non si parlava di HIV-AIDS ma solo di tubercolosi.
Dopo due mesi ho iniziato a testare tutte le persone (adulti e bambini) che venivano in ambulatorio ed i dati risultanti erano preoccupanti.
Nel 2002 ,2003, 2004, in Africa esistevano vari progetti ma tutti si rifacevano a due progetti capostipiti: Evinte 1 (Uganda) ed Evinte modificato (Sud Africa).
Questi si basavano solo sulla prevenzione del passaggio del virus dalla madre al figlio con l'uso della Nevirapina. Questi protocolli, in realtà, nel mondo occidentale erano già stati abbandonati da qualche anno perché poco efficaci, ma molti O.N.G. evidentemente pensavano che per l'Africa andava bene così.
Dalla primavera del 2003 ho iniziato un progetto sia di terapia rivolta alle persone adulte e bambini affetti da AIDS, sia alla prevenzione del passaggio madre-figlio del virus, secondo i protocolli dell'O.M.S., validi per il mondo occidentale ricco e quindi anche per il mondo meno ricco e povero.
E' stata cercata quindi l'eccellenza della terapia, ma io non ho inventato nulla, ma solo applicato quei protocolli che se sono idonei per noi devono essere, e lo sono, anche per gli africani.
In realtà, in quel periodo, in Mozambico, la Comunità di S. Egidio, iniziava un progetto analogo.
Dalla metà del 2004, la stessa Comunità venuta a conoscenza del mio lavoro, mi aiuta pagandomi 50 trattamenti (costo annuo di un trattamento 250 euro).
E' in questo periodo che a Yankho (che è il nome dato al primo bambino nato sano dopo il trattamento e che nella lingua malawiana significa "Risposta di Dio") ho associato il nome DREAM (nome del progetto della Comunità di S. Egidio).
Attualmente il mio Centro è riconosciuto dal Governo del Malawi ed altri 18 centri sono stati aperti successivamente dal Governo e tutti applicano i protocolli dell'O.M.S.
Attualmente sono 500 le persone in trattamento, donne, uomini, bambini, famiglie, oltre a 30 bambini orfani. 50 vengono pagati dalla Comunità, 100 dal Governo ed i rimanenti 380 sono pagati da amici e parenti che credono in questo mio lavoro in terra d'Africa
Per dare un corpo anche futuro al progetto, oltre alla costruzione di una maternità per donne positive ed un laboratorio, ho inviato medici ed infermieri locali a vari corsi di aggiornamento internazionali sul problema dell'HIV in quanto sono fermamente convinto che io sono il passato e loro sono il futuro.
380 persone vivono grazie ai soldi che amici e parenti mi danno ogni anno per comprare i farmaci e dovrei tremare all'idea che qualcuno possa tirarsi indietro, ma sono sicuro che la loro generosità non si esaurirà. Una cosa mi riempie di vergogna e di colpa, come uomo del mondo occidentale ricco, senz'altro più ricco di loro, quando entra una giovane donna od un padre di famiglia o un bambino malato di AIDS, ed io avendo soldi solo per 380 persone devo rispondere "no, non posso curarti ".
A questi amici e parenti generosi il Signore dirà: " Venite, benedetti del Padre mio, perché Io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi" (Matteo, 25)
Questa è la ricompensa dei giusti, a voi chiedo di aiutarmi a dare risposte a chi bussa alla mia, alla vostra porta.

Carlo Spini
 

torna su

Aggiornamento Adozioni a distanza

Carissimi tutti, è trascorso un altro anno scolastico in Malawi e i responsabili dell'ufficio adozioni di Balaka sono al lavoro per raccogliere le pagelle dei nostri adottati per poi inviarcele. E' un lavoro lungo e molto impegnativo, perché non sempre gli insegnanti sono puntuali nel preparare i risultati scolastici. Speriamo che assieme alla "chikalata" di Natale arrivino anche le pagelle.
In quest'anno abbiamo avuto ben 120 adottati che per vari motivano (trasferimento della famiglia in altre zone, completamento della scuola primaria senza voglia o capacità di frequentare il secondario, ecc.) hanno terminato l'adozione. A questi se ne aggiungeranno presto altri 30 che faranno in questo mese la festa del "send off". Sarà organizzato un pranzo e alla fine verrà consegnata una Bibbia ed una zappa (una pentola per le ragazze) e l'equivalente di € 60,00 in moneta locale. E' una buona somma considerando che lo stipendio medio di chi lavora è di circa € 30,00 mensili. Sono ragazzi e ragazze che hanno terminato la scuola e che quindi possono iniziare a vivere autonomamente mettendo a frutto quanto imparato in tutti questi anni.
Per questo, a nome di tutti coloro che operano per tenere vivo il progetto dell'adozione a distanza, ringraziamo le famiglie che hanno sostenuto questi ragazzi con tanta costanza, anche se spesso non abbiamo potuto accontentare il loro desiderio di avere più notizie.
Vorremmo però che la vostra voglia di fare del bene non si esaurisse. Perchè non adottare un altro bambino e dare anche a lui la possibilità di avere l'istruzione e l'assistenza indispensabili per poter
affrontare il futuro con qualche speranza in più?
Abbiamo in adozione attiva 1.500 bambini e vorremmo vedere questo numero aumentare sempre di più. Ricordiamo che dal prossimo anno il costo dell'adozione sarà di € 205,00 sia per la scuola primaria che secondaria, come richiesto da Padre Piergiorgio Gamba, responsabile del progetto adozioni.
Un grazie a tutti coloro che in tanti modi ci aiutano ad aiutare. Siamo sempre a vostra disposizione nella sede dell'Associazione il lunedì ed il giovedì. Venite a trovarci.

Piero
 

torna su

Dichiarazione dei redditi 2006: è possibile destinare il 5 per mille all'Associazione "Seconda Linea Missionaria"

La legge finanziaria (Legge 23 dicembre 2005 n°266 art. 1 comma 337) ha previsto per l'anno 2006, in forma sperimentale, la possibilità per il contribuente di destinare una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul redito a sostegno del volontariato. In occasione della propria dichiarazione dei redditi ogni contribuente potrà scegliere direttamente l'organizzazione a cui devolvere tale contributo indicando semplicemente il codice fiscale nell'apposito spazio previsto nei modelli 730 e UNICO.
L'Associazione "Seconda Linea Missionaria" risulta tra le organizzazioni che possono beneficiare di tale opportunità quindi non dimenticatevi, in occasione della vostra dichiarazione dei redditi di indicare e fare indicare il codice fiscale dell'Associazione 97236180580.

Solo le persone fisiche e non le società avranno questa importante opportunità di contribuire al sostegno dei nostri progetti. E' da ricordare che in caso di mancata indicazione nella dichiarazione dei redditi del codice fiscale di un'associazione, la quota pari al 5 per mille delle imposte resterà comunque parte delle imposte da pagare.

Esempio:

reddito imponibile di 30.000 €, imposte di circa 8000 €. Lo stato, di questi 8.000 €, comunque da pagare, darà all'Associazione "Seconda Linea Missionaria" 40€ se indicate il suo codice fiscale, in caso contrario incamererà la somma.
 

torna su



Indice delle pagine del Notiziario di Gennaio 2006 (53^ Giornata Mondiale dei malati di lebbra):

Cosa siamo riusciti a fare...

Cari amici,
come ogni anno ecco il riassunto di quello che siamo riusciti ad attuare col vostro aiuto in quest'anno trascorso.
Come potete notare, è stata veramente una gara di solidarietà la risposta di tanti al nostro appello contro la fame in Malawi. Scorrendo l'elenco noterete a quanti Missionari abbiamo inviato il danaro raccolto a questo proposito: oltre 15 mila euro. Ed altre offerte che continuano ad arrivare saranno subito spedite ma andranno elencate nel riepilogo di gennaio 2007 (per esigenze di contabilità).
Un grazie sicuramente verrà dato a tantissime famiglie da Nostro Signore per il maggiore aiuto donato in più ai loro adottati in questo frangente. Per loro da mangiare è assicurato ma con l'aumento iperbolico dei prezzi del granturco a causa della carestia, con la rata mensile a loro elargita non si poteva comprare abbastanza cibo. Ed allora, queste mamme, questi papà adottivi hanno inviato spontaneamente un supplemento in danaro perché ai loro "figli" non mancasse il necessario. Leggerete nel rendiconto che sono stati inviati quasi 14 mila euro (28 milioni delle vecchie lire) a tale scopo.
Credetemi, cari amici, è una grande gioia assistere a questa gara d'Amore in un mondo pieno di egoismi e vizi vari.
Leggevo giorni fa sul giornale mensile dell'Associazione AIFO "Gli Amici dei Lebbrosi": "Nel mondo vi sono 2 miliardi e 200 milioni di bambini. 1 miliardo e 900 milioni vivono nei paesi poveri e circa 1 miliardo di loro abita in famiglie che guadagnano meno di un dollaro al giorno. 400 milioni di bambini non hanno accesso all'acqua potabile e 270 milioni non hanno accesso a servizi sanitari. Circa 121 milioni non frequentano la scuola. La maggior parte di loro sono bambine. Nel 2003, 10 milioni e mezzo di bambini hanno perso la vita prima dei 5 anni. Dei 10 Paesi con il più alto indice di mortalità infantile, 9 sono africani". Tra questi Paesi c'è anche il Malawi che per povertà è il 6° Paese nel mondo.
Capirete, leggendo questi dati, perchè nel nostro piccolo ci sforziamo per costruire in Malawi asili, scuole, pozzi d'acqua, ospedaletti.Noi siamo convinti che,pur migliorando.
Quest'anno passato abbiamo per una volta impiegato il nostro impegno per un paese diverso dal Malawi ma con esso confinante. Lo Zambia. Un missionario anch'egli monfortano là residente nella Diocesi di Chipata, Parrocchia di Kalichero, ci ha chiesto aiuto per costruire un ponte per favorire una comunità di 15 mila famiglie di agricoltori che per 4-5 mesi l'anno, nel periodo delle grandi piogge non potevano recarsi in città o, comunque in un altro centro abitato per via di due fiumi che li isolavano da tutti. Per la prima volta abbiamo chiesto aiuto ad un Ente Pubblico, la Regione Lazio che ha concesso all'associazione "Seconda Linea Missionaria"un contributo di 40 mila euro che ci verranno elargiti nei prossimi mesi. Siamo grati all'On. Bonelli, era la somma che mancava a P. Francesco Valdameri per aiutare quella gente.
Un altro progetto molto importante sta per essere varato in comunione con il Gruppo "Pangono...Pangono..."di Rosignano Solway"della provincia di Livorno. Per iniziativa della Società "Rotary Club" della Calabria dovrà nascere in Malawi - Distretto di Balaka Villaggio di Kapandatsitsi - un ambulatorio medico al completo. Il Presidente, per telefono, ci ha detto che dovrà essere un ambulatorio come i più completi esistenti in Italia. E poiché in quella zona non esiste la corrente elettrica, lo forniranno anche di un generatore di corrente. Dopo la spedizione, che avverrà tra qualche mese, andranno due medici volontari della Calabria per organizzarlo e si fermeranno là per un mese allo scopo di avviarlo al funzionamento.
Ovviamente, un ambulatorio ha bisogno dei locali, e a Kapandatsitsi, zona poverissima, ci sono solo capanne e tanta gente povera e lontana circa 25 chilometri dalla parrocchia e dai ogni altro centro. Allora, d'accordo col Gruppo di Rosignano abbiamo pensato di costruire i locali per l'ambulatorio e un centro per bambini denutriti. Ci vorranno circa 30.000 euro (ma, quando possiamo avere più certezze nella spesa, ve lo faremo sapere).

Giuseppe Aragona

Pro Malawi

Aiutaci ad aiutare
fai una donazione
per il Malawi
per saperne di più
clicca qui

Iscriviti alla Newsletter

Visite agli articoli
887190

Abbiamo 143 visitatori e nessun utente online