Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi di più.
Missioni - Balaka

ASLM logo

Italian Afrikaans Chinese (Simplified) English French German Hindi Japanese Portuguese Russian Spanish Swahili

"Seconda Linea Missionaria" – Onlus

vuole essere uno strumento utile alla "Prima Linea Missionaria"

che opera nei paesi poveri del terzo mondo

C'era una volta un campo... (si comincia)

dsc08203.jpgE' uno dei quattro progetti che ci siamo prefissati di seguire in questo nuovo anno. Padre Piergiorgio Gamba ci ricorda nella sua lettera quanto sia importante ed urgente per loro la nostra solidarietà....

 ........
11 Febbraio 2010
 Carissimi Peppino e Maria
nella festa che ci ricorda gli ammalati e che ci aiuta a mettere al  centro della missione chi e' più nel bisogno, un grande saluto dal Malawi. 
Le urgenze come sempre ci inseguono in continuazione e sembra proprio di rivedere la storia di Gesù che con  i suoi discepoli ogni tanto cercava di nascondersi perchè erano troppi e diventava troppo difficile ascoltare tutti.
Quest'anno in particolare con le piogge che giungono solo in qualche zona e solo ogni tanto, ecco quello che doveva essere in questo mese un campo rigogliosissimo, presentare pochissime pannocchie per quello che sarà un raccolto molto povero.
Più che all'inizio quando il progetto "c'era una volta un campo... " aveva iniziato a farsi strada, oggi vediamo l'urgenza
di portarlo avanti con più decisione.
Il cancello all'entrata del campo che era rimasto per anni senza un vero uso, e' quasi completato come pure tutta la recinzione e' stata fatta.pict2249.jpg Le due linee in cemento ora si sono rafforzate e asciugate a sufficienza e domani verranno messi due containers per essere usati come magazzino esterno.



Lungo tutto i lato sinistro viene costruito il capannone-cucina-posto di lavorazione e conservazione di frutta e verdura che
riusciremo a produrre o a comperare nelle varie stagioni dell'anno. Ci sarà la produzione di frutta: fatta essiccare al sole o lavorata e preparata come confettura o marmellata potrà essere usata anche al termine della stagione specifica di un frutto particolare.
La stagione del mango, dell' avocado, della papaya... per andare oltre l'emergenza della fame che inizia appena
l'ultimo frutto di mango viene raccolto.

Superare i limiti della mancata conservazione di tanti prodotti e' quanto vogliamo raggiungere.
Ci sarà in particolare la produzione della salsa di pomodoro. La zona di Balaka e' tra le più ricche produttrici di pomodori che
però scadono di valore nella stagione del raccolto per poi diventare introvabili e costosissimi negli altri mesi. In mancanza di altre varietà per la cucina, la dieta della famiglia malawaiana fa grandissimo uso del pomodoro perchè riesce a trasformare anche poche erbe insipide in un piatto appetitoso. pict2250.jpgpict2254.jpg
Questo e' probabilmente l'uso maggiore che questo progetto intende portare avanti.
Tutto attorno abbiamo messo a dimora qualche centinaio di piante da frutta, cercando di raccogliere tutti i tipi possibili di frutta della zona.
Studieremo anche la possibilità di inserire altri alberi da frutta... resta un sogno il kiwi, il litchi del Madagascar, ma anche alberi come l'ulivo che ancora non si e' riusciti in Malawi a renderlo produttivo. L'albero di ulivo cresce bene, diventa grande ma non ha mai prodotto un singolo frutto...
pict2256.jpgLe possibilità sono davvero tante, ma vorremmo che nel suo piccolo diventasse quello che l'università di Agricoltura del Malawi produce a un livello più alto di formazione... insomma vorremmo essere l'università del villaggio per l'agricoltura ci produzione e conservazione.
Le piantine messe a dimora sono tutte state innestate e possono garantire un buon risultato soprattutto come esempio e scuola per le famiglie che vorremmo imparassero a produrre cibo in abbondanza anche per stagioni difficili come quella attuale.

Piante ancora piccole... ma così iniziano tutte le nostre avventure... ne sa qualcosa la macchina da scrivere venuta da Ostia.
Vorremmo poter produrre frutta inizialmente e poi sviluppare anche la produzione di verdure particolarmente nutritive e di aiuto all'alimentazione.
Cosa vorremmo chiedere a Santa Monica?
Visto l'impegno e il coraggio di sempre delle iniziative di Peppino, pensando poi al container che state allestendo...(questa resta solo una proposta a voi di valutare..) invece di inviarci soldi potreste mandarci dei freezers, delle  pentole, materiale da cucina...  un sogno tra i sogni una pentola elettrica come quelle che avete dato per Santa Monica...   a noi andrebbero benissimo anche di seconda mano...
Ecco resta una proposta e senza chiedere troppo, solo quello che qualche opportunità vi potrebbe accadere di avere.

E un grazie infinito dal nostro villaggio che comincia a vedere i primi segnali di un anno di fame e ci viene ricordato dagli ex-carcerati della casa a metà strada e da un asilo costruito sulla montagna e che già conta 200 bambini... insomma e' una litania infinita.
Un saluto lungo lungo che duri da qui fino a quando sbarcherete ancora in Malawi.
Vi aspettiamo sempre e di tutto cuore

                                              p. piergiorgio gamba

Pro Malawi

Aiutaci ad aiutare
fai una donazione
per il Malawi
per saperne di più
clicca qui

Iscriviti alla Newsletter

Visite agli articoli
896099

Abbiamo 114 visitatori e nessun utente online